Montfort: copia vivente di Maria per amare Gesù Cristo

Luigi Maria Grignion di Montfort muore a Saint-Laurent-sur-Sèvre il 28 aprile 1716. Beatificato il 22 gennaio 1888 da Leone XIII, viene canonizzato da Pio XII  il 20 luglio 1947 nella basilica di San Pietro a Roma: «In onore della santa e indivisibile Trinità […], dopo l’invocazione del divi­no soccorso […] Noi decretiamo e definiamo che deve essere rite­nuto santo […] il beato Grignion de Montfort».

Dopo l’invoca­zione e l’orazione speciale del nuovo santo, il papa esalta nel­l’omelia la fiamma missionaria di san Luigi Maria, la sua ardente devozione alla Vergine, la sua ob­bedienza e fedeltà alla Chiesa.

L’udienza speciale per i numero­si pellegrini venuti dalla Francia e da ogni parte, riprende gli stes­si temi, con stile diretto e fami­liare: «Salute a voi, pellegrini ac­corsi da diversi paesi […]. Vi uni­sce l’amore per Maria, perché tutti vedete in colui che siete ve­nuti a onorare, la guida che vi conduce a Maria e da Maria a Gesù…».

Segue un prolungamento trionfale delle feste vaticane: per tre giorni, il 22, 23 e 24 luglio, la chiesa di Santa Teresa al Cor­so d’Italia, a Roma, accoglie i pellegrini di tutto il mondo.

Poi è la volta di Montfort-sur-Meu, in Bretagna. La sera del 28 ago­sto giunge a Montfort l’insigne reliquia del santo conservata a Saint-Laurent-sur-Sèvre, un im­portante frammento dell’ome­ro. Deposta nella cappellina co­struita sul medesimo luogo in cui Luigi Grignion ricevette il battesimo, viene poi solenne­mente trasportata nella chiesa parrocchiale dove rimane per tre giorni esposta alla venerazione dei pellegrini.

Saint-Laurent-sur-Sèvre avrà il suo triduo, il 12, 13 e 14 settembre. Le vec­chie e austere viuzze si rivesto­no di gioia per celebrare la glo­ria di Montfort, di cui la città conserva gelosamente il prezio­so sepolcro nella chiesa parroc­chiale che nel 1963 diventerà Basilica minore grazie a un de­creto di Giovanni XXIII.

I festeggiamenti che si erano tributati un po’ dappertutto in Francia al nuovo Santo, si conclusero il 13 giugno 1948 nello scenario del grandioso Calvario di Pontchâteau, quel Calvario che fu la croce più grossa della sua vita tribolata. Mons. Angelo Roncalli, nunzio apostolico a Parigi, accettò di presiedere la celebrazione conclusiva. Dall’alto del Calvario, stando ai piedi del grande Crocifisso, impartì la benedizione finale. Annoterà in una lettera del 26 giugno 1948 indirizzata al vescovo di Bergamo, mons. Bernareggi, : “al Calvario di Pontchateau, in onore di S. Luigi M. di Montfort, all’aria aperta, si contarono da 150 a 200 mila persone: tutte piene di fede, di pietà, di ardore religioso”.

Mons. Roncalli, futuro papa Giovanni XXIII, aveva già presieduto le celebrazioni per la canonizzazione di Luigi di Montfort a Bergamo, presso la comunità dei missionari monfortani, il 21 settembre 1947. La Cronaca della comunità così riassume il panerigirico che il nunzio tenne del santo: «Con voce calda il Rappresentante del Santo Padre ha messo in rilievo prima di tutto la santità vigorosa di San Luigi-Maria, il suo carattere vivace, ardito, impetuoso, santamente originale ed eroico, fiero della povertà e dell’ignominia della Croce, e lo spirito del quale ha saputo permeare i suoi Missionari e le Figlie della Sapienza, felice di cantare morendo la dolcezza di Nostro Signore Gesù Cristo. Il Nunzio presentò poi il Missionario, emulo di San Francesco Saverio, precursore di S. Alfonso come predicatore della SS. Vergine».

In tutto il mondo Montfort continua ancora oggi il suo cammino quale modello da imitare e in­tercessore da invocare. Rivela so­prattutto con la sua opera più conosciuta, il Trattato della vera devozione, il segreto della sua santità: consacrarsi a Cristo per mezzo di Maria. Sarà ricono­sciuto da Giovanni Paolo II «te­stimone e maestro» di questa au­tentica spiritualità (cfr. RM 48).

8 commenti su “Montfort: copia vivente di Maria per amare Gesù Cristo”

  1. Ringrazio ha tutti per quello che fate che Dio vi benedica e la Madonna vi protegge con il suo manto. A voi della sociazione Mantfor. Con affetto Lina ciao a tutti

  2. Grazie per questo articolo,un Santo che ci aiuta a conoscere la Santa Vergine Maria che ci accompagna a suo figlio Gesù.

  3. ANGELAPINA MINENNA

    Grazie per aver impostato questo articolo, davvero molto interessante!
    Continuate a seguirci, nella vita non si finisce mai di imparare e migliorare.
    Davvero grazie per quello che fate.

  4. ANGELAPINA MINENNA

    Grazie per aver impostato questo articolo, davvero molto interessante!
    Da quando ho letto per la prima volta il trattato, circa 10 anni fa, ne sono rimasta colpita dal contenuto, davvero meraviglioso.
    La frequenza, poi delle 12 catechesi, con i relativi approfondimenti davvero molto profondi ed esaurienti, e la consacrazione finale, hanno cambiato e migliorata letteralmente la mia vita, che spero rimanga tale nel tempo.
    Continuate a seguirci, nella vita non si finisce mai di imparare e migliorare.
    Davvero grazie per quello che fate.

  5. San Luigi Grignon di Monfort è un grande. Completamente ispirato dallo Spirito Santo, è stato ed è un aiuto indispensabile per essere di Maria e per mezzo di Lei , di Gesù, secondo il cuore di Dio!

  6. Grazie per questo nteressante articolo su Luigi M.di Montfort,Santo di difficile imitazione spirituale.

I commenti sono chiusi.